Instant Developer

Tips&Tricks – Instant Developer Cloud: cambiare parametri ai launcher senza ripubblicarli

| 11 Ottobre 2019 | Giuseppe Lanzi
cropped immagine2 Instant Developer

Tra le tante funzionalità di Instant Developer Cloud c’è la possibilità di pubblicare le app mobile mediante strumenti molto potenti: i launcher. Una volta configurato, un launcher permette di creare il progetto Cordova, di compilare un pacchetto ipa o apk e anche di inviare la nuova versione direttamente agli store.

In questo modo, anche se l’app è in produzione, è diventato davvero semplice aggiornarla per l’aggiunta di funzionalità: una volta terminata l’implementazione, bastano un paio di clic per mandare la nuova versione a tutti. Basta quindi dedicare qualche minuto per la compilazione e poi limitarsi ad attendere il tempo necessario per l’approvazione da parte di Google o di Apple.

Detto, fatto: un’operazione semplice e veloce. Ci sono, però, alcuni casi in cui determinati parametri applicativi devono essere inviati ai dispositivi molto frequentemente, talvolta anche su base giornaliera. In queste situazioni non è praticabile la strada dell’aggiornamento via store perché gli utenti si stancherebbero presto di ricevere una versione al giorno. Senza considerare un ulteriore ostacolo, vale a dire che il rollout degli aggiornamenti non sarebbe contemporaneo per tutti gli utenti.

I parametri di runtime

È proprio per casi come questo che abbiamo ideato una soluzione che permette l’aggiornamento immediato di tutti i launcher in esecuzione: i parametri di runtime.

Per leggere un parametro è sufficiente utilizzare il metodo app.getParameter().

Per impostare i parametri di runtime basta andare nella sezione Parametri di runtime del launcher ed aggiungere o modificare gli elementi di cui si ha bisogno. È sufficiente modificare i dati e tutti i launcher dell’applicazione riceveranno la configurazione aggiornata al prossimo avvio o la prossima volta che l’app torna in foreground.

Ma ci sono applicazioni utili? Certo! 

Ad esempio si potrebbe mettere un parametro minVersion per indicare qual è la versione minima dell’app in produzione che si vuole far girare. Leggendolo nell’onStart o nell’onResume (cioè quando l’app parte o torna in primo piano) e confrontandolo con il valore di app.info.buildVersion, si potrebbero bloccare le installazioni degli utenti che non hanno aggiornato ed assicurarsi così di non avere un parco installazioni troppo frastagliato.

Ovviamente la condizione necessaria affinché sia possibile ottenere i nuovi parametri è che il dispositivo sia connesso alla rete. Tuttavia, a parte questo, l’unico reale limite è la fantasia. 

Buon divertimento 🙂 

Giuseppe Lanzi
Technical Support Manager
Mi occupo di assistenza e consulenza tecnica, dei corsi di formazione e dei sistemi rivolti ai clienti. Amo la tecnologia e ogni tipo di nuovo gadget, mi interesso di fotografia e prendo al volo ogni occasione di scoprire un nuovo gioco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


Potrebbe Interessarti

Instant Developer Foundation 22.5 e Fluid: il futuro comincia da qui

La versione 22.5 di Instant Developer Foundation rappresenta un passo tangibile verso il futuro di Instant Developer. Il nuovo motore grafico Fluid è infatti il...

Leggi Tutto

Webinar: Le novità di Instant Developer Cloud 22.5

Nel webinar sulle novità della release 22.5 di Instant Developer Cloud , Giuseppe Lanzi, responsabile dei reparti Customer Care e Systems e Paolo Giannelli, responsabile...

Leggi Tutto

Instant Developer Cloud 22.5: esperienze migliori per te e il tuo software

Instant Developer Cloud 22.5 è una versione progettata per una migliore esperienza di utilizzo da parte degli sviluppatori e di fruizione delle applicazioni per gli...

Leggi Tutto

Rimani Aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere aggiornamenti su novità, eventi, release, webinar e tante altre notizie sui prodotti Instant Developer.