Il 72% delle organizzazioni, secondo diverse ricerche, prevede di implementare strategie per la Digital Transformation entro i prossimi due anni e i sistemi Cloud sono tra le tecnologie maggiormente utilizzate a supporto del cambiamento.

La trasformazione digitale, almeno in Italia, procede a rilento ed attualmente non stiamo ancora godendo a pieno degli effetti positivi che la rivoluzione potrebbe avere sul business. Le aziende che perseguono obiettivi di Digital Transformation nel nostro Paese sono ancora troppo poche e questo significa lavorare potenzialmente in perdita, sia in termini di tempo che di denaro, ma anche restare più indietro rispetto ai competitor che già hanno introdotto nuove tecnologie atte alla digitalizzazione dei processi.

L’Italia è composta per il 95% da piccole e medie imprese: business piccoli, spesso con meno di 10 dipendenti, i quali guardano a tecnologie come il Cloud o l’Artificial Intelligence con occhi spaventati, oltre che come una spesa pressoché inutile.

Questo ritardo nell’adattamento alla trasformazione digitale è facilmente visibile anche da una semplice analisi della presenza sul web di tali aziende. Secondo un rapporto ISTAT del 2018, infatti, solo il 72% delle imprese italiane con più di 10 dipendenti dispone di un sito web (numero in crollo se si pensa a quelle con un numero di risorse inferiori) e solo il 40% utilizza i social network per comunicare con la propria audience. La quota di imprese italiane che sfrutta la possibilità dell’e-commerce è invece quantificata al 10% contro la media del 16% registrata in UE.

Una diffidenza incredibile, basata molto spesso dalla mancata conoscenza degli strumenti e che dà molto da pensare. Ad oggi le persone sono tendenzialmente iper-connesse ed hanno necessità, che ormai non è più un semplice “capriccio”, di accedere a qualsiasi tipo di informazione in ogni momento e luogo. Nonostante questo, però, sono ancora troppe le aziende che considerano il web come una “spesa inutile” o per la quale, comunque, il costo non giustifica il ritorno. Quello di cui abbiamo bisogno per supportare e cavalcare il cambiamento è un re-thinking, ovvero un ripensamento di tutto il mondo business come lo conosciamo oggi. Non si tratta più di spesa per adattarsi alla trasformazione digitale, ma di un investimento per non restare indietro, soddisfare i clienti e migliorare i processi aziendali (a partire dal customer care fino ad arrivare all’automazione di alcune mansioni).

I sistemi Cloud a supporto della Digital Transformation: in che modo?

Il Cloud computing è il primo agente di digital disruption e si tratta di una tecnologia in grado di apportare vantaggi significativi nelle aziende che hanno deciso di partire da qui per avviarsi alla trasformazione. Non si tratta di marketing per convincere le aziende a passare al Cloud: semplicemente, questo va di pari passo con la Digital Transformation.

È stato infatti dimostrato da diverse ricerche che l’85% delle imprese con un piano di trasformazione digitale ha beneficiato di un tangibile vantaggio competitivo grazie ai servizi Cloud. Questi sono in grado di offrire, in modo più che efficace, risorse IT illimitate e dinamiche che costituiscono il fondamento della Digital Transformation. Inoltre, altri aspetti non certo da sottovalutare, il Cloud facilita cambiamenti più rapidi del modello di business, altrimenti ingestibili senza un supporto di questo tipo, offre un time to market più veloce e la possibilità di sperimentare senza alcuno stress.

Al di là dei suoi innati benefici, quindi, il Cloud computing sta effettivamente accelerando le iniziative di trasformazione delle imprese.

Il Cloud computing e le “conversazioni digitali”

Il Cloud ha creato nuove conversazioni all’interno dell’ambiente aziendale e queste consentono di collegare l’IT con il resto dell’azienda. Quando si considera che l’IT è responsabile per il mantenimento delle operazioni, questa connessione sembra del tutto necessaria. Con la crescita e la maturazione del Cloud computing, Cloud e conversazioni digitali sono andati oltre il semplice dipartimento IT. Le cariche di management stanno realizzando quindi gli immensi benefici ed il potenziale di questa tecnologia al servizio della Digital Transformation e resta fondamentale anche il ruolo dell’IT per completare il processo.

La conversazione che si sviluppa intorno al Cloud computing è un giro completo: il reparto IT apprezzerà inevitabilmente i meriti tecnici della tecnologia, mentre le cariche dirigenziali vorranno sfruttarlo a pieno per la crescita e l’agilità del business. Per questi motivi il Cloud è la chiave per una transizione di successo e solo attivando una “conversazione digitale” su più fronti sarà possibile trasformare davvero la propria organizzazione.

Quali i vantaggi della Digital Transformation ed in che modo si può portarla a compimento

La trasformazione digitale è un processo che non può avvenire tutto in una volta. Ci vuole pianificazione ed è necessario costruire un percorso step by step.

Per un’azienda scarsamente digitalizzata è bene iniziare dalle nozioni base, come il passaggio al Cloud di funzioni fondamentali quali posta elettronica, condivisione di file e sistemi telefonici. Una volta assicurato che tutto funziona correttamente, e che i dipendenti siano sufficientemente formati ed aperti verso la rivoluzione digitale, è possibile passare allo step successivo della roadmap, diversa da società a società.

R. Ray Wang, esperto in Digital Transformation, ha elaborato alcuni passaggi fondamentali che tutte le aziende dovrebbero prendere in considerazione:

  1. Progettazione di nuove esperienze e modelli di business;
  2. Sviluppo di una cultura del DNA digitale;
  3. Applicazione delle nuove tecnologie all’infrastruttura esistente;
  4. Passaggio dalle decisioni istintive a quelle basate sui dati raccolti;
  5. Co-creare e co-innovare attraverso nuove partnership.

Durante la transizione, tutte le aziende potranno sperimentare dei vantaggi quali stabilità, scalabilità, riduzione dei costi, flessibilità ed altri vantaggi chiave che alleggeriranno la stessa organizzazione. Per restare competitive, le imprese devono concentrarsi su come sfruttare il Cloud computing per abilitare la Digital Transformation, cambiare il modo in cui operano e stravolgere così il mercato.

La trasformazione digitale, qualche anno fa, sembrava un obiettivo molto lontano, ma ad oggi è praticamente un requisito fondamentale per sopravvivere. Il Cloud è diventato rapidamente un punto di svolta decisivo, ma anziché affrontarlo come obiettivo finale, bisognerebbe ripensarlo come fattore abilitante alla trasformazione e come una risorsa per la crescita e l’innovazione continua.