Case study

Microrecipes dal desktop al SaaS cloud multichannel: la ricetta è servita

Micropedia ha scelto la piattaforma di sviluppo Instant Developer Foundation per migliorare il software per la ristorazione Microrecipes e farne un sistema SaaS multichannel oggi usato da ristoranti e chef stellati.

Micropedia ha sempre avuto il suo core business nel settore Horeca. Così, grazie al contatto diretto con hotel di grido e ristoranti stellati, ha individuato l’esigenza di un software specifico per la gestione delle ricette e lo ha realizzato inizialmente come software desktop.
La prima versione di Microrecipes ha avuto successo ed è stata apprezzata da clienti storici e nuovi. Gli stessi clienti, però, hanno espresso alcune richieste di miglioramento: prima fra tutte, la scalabilità per adattarsi all’evoluzione delle dimensioni del business.
In questo senso, l’efficienza può essere garantita solo da un sistema strutturato nel cloud in modo efficiente.
Forti di un riscontro reale del mercato, gli sviluppatori di Micropedia hanno potuto così mettere a punto una seconda versione di Microrecipes. Un sistema SaaS basato sul cloud, multichannel e multilingua, con funzionalità evolute, oggi apprezzato da grandi ristoranti, personal chef e consulenti ristorativi.
Per ottenere questo risultato la piattaforma di sviluppo usata precedentemente non bastava; occorreva utilizzare un software specializzato e flessibile, che permettesse di andare sul cloud con semplicità e rapidità, mantenendo bassi i costi. La scelta è ricaduta su Instant Developer Foundation.

Quando Micropedia decide di dotarsi di una piattaforma di sviluppo per costruire un sistema cloud è perché il mercato lo richiede a gran voce. Lo chiedono gli chef che utilizzano Microrecipes, ma il passaggio al cloud serve anche per altri prodotti e progetti che Micropedia intende sviluppare.

Pur essendosi sempre occupata prevalentemente di software gestionali desktop, Micropedia si trova quindi nella necessità di selezionare una piattaforma efficiente che li aiuti in questo passaggio. Così Marco Ilardi, fondatore e titolare dell’azienda, si muove nel più classico dei modi: una ricerca sul web e il confronto delle caratteristiche tecniche dei software trovati.
Visual Studio, Xamarin, Xojo sono alcuni fra i software presi in considerazione ma che necessitano, comunque, di tempi di sviluppo tendenzialmente lunghi.
Così, Instant Developer Foundation risulta il prescelto. Convince per caratteristiche come la semplicità di apprendimento, la flessibilità, la possibilità di abbattere i tempi di sviluppo rispetto ai software concorrenti.
Il rapporto costi – benefici convince appieno e Foundation entra stabilmente nella “cassetta degli attrezzi” di Micropedia. Il primo progetto viene sviluppato praticamente a quattro mani, con una collaborazione strettissima fra il team di Instant Developer e quello di Micropedia che ha modo, così, di imparare a utilizzare al meglio gli strumenti.
E poi, il lavoro scorre veloce, anzi velocissimo: in appena due anni Micropedia sviluppa ben dieci applicativi attraverso l’uso di Foundation. Uno di questi è proprio Microrecipes.

Curioso di scoprire di più?
Esplora il nostro tour e scopri come funziona Instant Developer Foundation

Vai al tour

Dati di sviluppo

172ore nette di lavoro distribuite in 3 mesi
1/3il tempo di lavoro impiegato rispetto all'utilizzo di Visual Studio
3strumenti concorrenti scartati: Visual Studio, Xamarin e Xojo

Instant Developer ha una politica che mi piace molto: non è che ti danno il prodotto e se ne vanno. Con loro ti senti tutelato, più tranquillo, perché alle spalle hai un'azienda che ti ascolta e ti viene incontro quando hai dei problemi.

La nuova versione di Microrecipes è stata sviluppata in appena tre mesi, per un totale di 172 ore nette di lavoro.

Non è semplicemente il vecchio software portato su cloud, ma uno strumento di lavoro nuovo, ampliato e trasformato, flessibile, multilingua.
Fra le sue funzioni principali, vogliamo ricordare:
La gestione delle ricette, con la possibilità di archiviarle e condividerle secondo diversi livelli di accesso (ad esempio, differenziandole per i diversi ristoranti di una catena);
L’integrazione delle sottoricette, ovvero le preparazioni di base che vengono poi utilizzate all’interno delle ricette principali;
La gestione del magazzino del ristorante: anagrafica attrezzature, fornitori, prezzi, giacenze, ecc;
Il calcolo automatico del food cost e del listino;
La gestione dei menù, con calcolo automatico della lista della spesa.
Si tratta, in altre parole, di un software estremamente completo, in grado di semplificare e supportare al meglio le grandi cucine, le catene con più ristoranti, il lavoro dei consulenti ristorativi e quello dei personal chef.
Un applicativo gestionale col cappello da chef, per così dire. Che, non a caso, è il logo prescelto per Microrecipes.

Anche se ci eravamo sempre occupati perlopiù di gestionali desktop, ci siamo resi conto che dovevamo dotarci di uno strumento che ci permettesse di sviluppare con semplicità software SaaS sul cloud perché era la direzione presa dal mercato.

Microrecipes oggi è uno strumento apprezzatissimo da ristoranti e chef di primissimo livello.

Lo utilizzano, ad esempio, strutture come il Gruppo Rosolino e il Ristorante Don Alfonso 1890 (che è considerato dall’autorevole guida La Liste come il terzo miglior ristorante di tutto il mondo, e il primo in Italia).
In tutto vengono gestite circa 700 ricette al momento.

Un prodotto di nicchia quindi, ma una nicchia di eccellenza. Esiste una versione semplificata e accessibile a tutti in forma gratuita, ma non esprime ovviamente il pieno potenziale del prodotto. Il target principale è invece dato da figure quali Personal Chef, consulenti ristorativi, ristoranti con più locali.
La collaborazione con Instant Developer sta andando avanti: Micropedia continua ad apprezzare i tanti plus offerti da uno strumento di sviluppo flessibile e intuitivo come Instant Developer Foundation e l’alta produttività che consente.

Risultati

10grandi clienti, fra ristoranti multisede e consulenti ristorativi
700ricette
1300ingredienti gestiti
70%del tempo di sviluppo risparmiato rispetto a strumenti concorrenti

Anche per la mia formazione pregressa, sviluppare con Instant Developer Foundation mi riesce istintivo, naturale. Imparare a usarlo è stato rapidissimo.

Prova gratuitamente Instant Developer Foundation e scopri quant’è facile restare aggiornato con l’evoluzione tecnologica sviluppando rapidamente qualunque soluzione in tutta flessibilità.

Compila il form e ricevi il link per l'accesso via mail

Micropedia è una software house con sede a Pozzuoli (NA). È nata nel 2015 per iniziativa di Marco Ilardi. È piccola, ma molto attiva: conta un centinaio di clienti, diversi gestionali ed app.

Ha accumulato una lunga esperienza nel settore Horeca; fra i suoi prodotti, infatti, molti sono rivolti ad hotel e ristorazione. Propone sia gestionali complessi che app per gestire funzionalità molto specifiche, come le consegne a domicilio o le ordinazioni.
Il nome Micropedia, ripreso dal greco antico, è la sintesi di un principio generale. Micropedia vuol dire, letteralmente, che il sapere è nelle piccole cose. In omaggio a questo pensiero, la software house si è focalizzata fin dall’inizio nello sviluppo di prodotti agili, nati per rispondere a esigenze specifiche, che permettono di aiutare i propri clienti nel loro lavoro quotidiano.
Come abbiamo visto con Microrecipes, capita poi che queste piccoli software crescano… fino a diventare strumenti di lavoro flessibili e completi.
Dal 2018 Micropedia si avvale della collaborazione con Instant Developer e delle sue piattaforme per lo sviluppo software.

Telefono

+39 081 0050523

https://www.instantdeveloper.com/case-study/microrecipes-dal-desktop-al-saas-cloud-multichannel
https://www.instantdeveloper.com/en/