La scuola italiana entra nella rivoluzione digitale con DIECI+

Dieci+ è una startup italiana dedicata alla realizzazione di sistemi di trasformazione digitale per la scuola italiana. Nata nel 2018 dall’iniziativa di Davide Maioli, un giovane perito informatico, ha pubblicato un sistema multi-channel cloud nativo per la gestione delle attività scolastiche e per favorire la collaborazione fra istituzioni scolastiche, insegnanti, genitori e studenti.

A proposito dell’app, Davide Maioli, fondatore e sviluppatore, dichiara: “È molto di più di un semplice registro elettronico: l’obiettivo è quello di unire le forze di insegnanti, genitori e studenti e di rendere possibile un livello di collaborazione finora impensabile”.

Dieci+ ha scelto Instant Developer Cloud, la piattaforma per lo sviluppo e la gestione di applicazioni multi-channel nel cloud, per gli elevati livelli di produttività, di integrazione e di sicurezza. In questo modo è stato possibile pubblicare il sistema web e le applicazioni mobile per iOS e Android entro l’inizio dell’anno scolastico 2018-2019, in appena due mesi dall’avvio del progetto.

Dall’esperienza personale all’idea

L’idea di fondare una startup è iniziata durante il percorso scolastico di perito informatico di Davide. Dalla sua esperienza personale risultava infatti evidente che sebbene l’uso di strumenti informatici sia ormai parte dell’organizzazione scolastica attuale, allo stesso tempo questi vengono proposti in modo tradizionale, senza tenere conto delle opportunità offerte dal cloud e dalla rivoluzione digitale.

Durante i periodi di alternanza scuola-lavoro, Davide ha potuto approfondire le tematiche relative ai nuovi sistemi multi-channel cloud nativi: è così che ha così preso forma l’idea di costituire una startup per sviluppare queste intuizioni iniziali al termine del percorso scolastico.

L’analisi delle funzionalità del sistema e lo studio della user experience sono diventati oggetto del lavoro presentato durante l’esame di maturità: ma a questo punto, ormai a metà luglio, rimanevano solo due mesi di lavoro per sviluppare e pubblicare il sistema prima che iniziasse l’anno scolastico successivo.




Una sfida (im)possibile?

L’architettura di Dieci+ è piuttosto complessa. Dieci+ infatti è costituito in questo modo:

  • Un’applicazione gestionale cloud-nativa per la segreteria scolastica, in cui avviene la configurazione dell’anno scolastico (classi, insegnanti, studenti, orari, materie), le attività di scrutinio e le comunicazioni con il sistema centrale gestito dal MIUR.
  • Un’app mobile per gli insegnanti, pensata per svolgere tutta l’attività didattica anche attraverso uno smartphone. In particolare la gestione dell’agenda dell’insegnante, la procedura di appello, l’assegnazione di compiti, la distribuzione del materiale didattico e l’inserimento di voti legati ad interrogazioni o verifiche. Infine, la gestione delle giustificazioni e dei colloqui.
  • Un’app mobile per i genitori e gli studenti in grado di gestire l’agenda dello studente, la consultazione dei compiti, del materiale didattico, dei voti, dei colloqui, delle annotazioni e delle giustificazioni.

Le app mobile dovevano essere disponibili come app native per iOS e per Android, inoltre era necessario che le medesime funzioni fossero disponibili anche attraverso un normale browser web nel caso in cui non fosse disponibile uno smartphone.

Le applicazioni dovevano inoltre soddisfare i criteri di “privacy by design” e “security by design” richiesti dalle normative sul trattamento dei dati personali ed essere completamente prive di bug che causino perdite di dati.

Ottenere questo risultato potendo contare solo su due mesi/uomo di lavoro e a partire solamente da competenze di livello scolastico sembrava una sfida impossibile. Oppure no?

Una sfida impossibile?

2 mesi uomo/lavoro per ottenere l'app, potendo contare solo su competenze di livello scolastico

Trovare gli strumenti giusti

Davide ci ha confidato: “Se una soluzione era possibile, doveva per forza passare dal trovare gli strumenti giusti. Mi serviva qualcosa di semplice da imparare, che mi permettesse di ottenere sia le applicazioni mobile che quelle web scrivendo il codice una volta sola, ma senza sacrificare le prestazioni e la user experience: ho cercato, e ho trovato Instant Developer Cloud”.

Imparare ad utilizzare Instant Developer Cloud è stato più semplice del previsto: grazie al cosiddetto “starter kit”, un consulente l’ha seguito passo-passo guidandolo alla scelta e all’utilizzo delle migliori tecniche di programmazione.

È così che è stato scelto il framework di sincronizzazione offline, che consente di utilizzare l’applicazione anche senza connessione ad internet; mentre, quando torna disponibile, i dati vengono automaticamente condivisi nel cloud.

Questa architettura permette a Dieci+ di risparmiare circa il 90% delle risorse cloud necessarie in applicazioni di questo tipo: un fattore che consente di tagliare i costi di esercizio e quindi di penetrare con successo un mercato già affollato.

Un aspetto particolarmente apprezzato è stata la possibilità di riutilizzare il 100% del codice scritto durante la pubblicazione delle parti mobile e di quelle web.

"Pubblicare le app mobile e quelle web? Bastava girare un interruttore e potevo farlo direttamente dal mio browser. Tutto avviene in automatico, senza dover toccare nemmeno una riga di codice."
Davide Maioli, Fondatore e sviluppatore di 10+


Test alla velocità della luce

A settembre 2018, due settimane prima dell’inizio dell’anno scolastico, sono iniziati i test sul campo. È la fase più critica perché è in questo momento che si scoprono le funzioni mancanti, e bisogna essere agili e precisi nell’implementazione. Inoltre i test di carico possono evidenziare situazioni da ottimizzare.

È proprio in questa fase che Dieci+ ha sfruttato alcune delle caratteristiche più interessanti di Instant Developer Cloud: il live update delle applicazioni mobile, che permette di aggiornare tutti i dispositivi con un click senza dover passare dai tempi dell’app store, e il sistema di analytics, che oltre alle modalità di utilizzo traccia i dati di funzionamento comprensivi di errori ed eccezioni.

Davide ammette: “Durante il beta test ho effettuato anche dieci aggiornamenti dell’app mobile in un solo giorno. Tramite il sistema di analitiche vedevo gli errori, facevo le correzioni e potevo pubblicare immediatamente la versione aggiornata”.

Risultati da 10 e lode

È così che il 17 settembre 2018, proprio in coincidenza con il primo giorno di lezioni, il sistema Dieci+ è entrato in utilizzo nella prima scuola pilota. Da quella data più di 400 utenti eseguono ogni giorno più di 1000 sessioni di lavoro, sia tramite l’app mobile che attraverso le versioni web.

400 utenti e 1000 sessioni al giorno

Sia da mobile che da web

Nessun dato è andato perso e Dieci+ ha continuato a crescere in completezza funzionale e semplicità d’utilizzo.

Dopo gli scrutini del primo quadrimestre, tramite i dati analitici e i feedback in-app degli utenti, è iniziata la fase di ri-progettazione della user experience e di adattamento ai reali casi di utilizzo.

E grazie ad Instant Developer Cloud, questa profonda ristrutturazione verrà eseguita “a run time”, vale a dire senza discontinuità nell’utilizzo dell’applicazione.

Davide conclude così: “Sono davvero contento di questi mesi. Fondare una startup è una sfida davvero eccitante. È stato un lavoro intenso e voglio dire grazie agli amici di Instant Developer che mi hanno sempre aiutato e sostenuto nel mio percorso”.