La Provincia di Brescia aumenta l’efficienza delle attività di ispezione in ambito agricolo/veterinario grazie ad una soluzione basata su tablet che sfrutta la firma grafometrica

In Provincia di Brescia, nell’ambito del settore agricolo, un ruolo primario è svolto dall’allevamento del bestiame, in particolar modo bovino. La soluzione realizzata rappresenta un’esperienza pilota di riferimento per le molteplici attività ispettive in ambito agricolo che la Regione Lombardia delega alle Province.

La soluzione, ancora ad oggi progetto pilota della regione, è nata con l’obiettivo di semplificare l’attività dei funzionari della provincia che, in affiancamento ad ispettori delle AUSL, svolgono ogni anno controlli a campione sulle operazioni di fecondazione artificiale direttamente presso le aziende agricole. 

Client next tablet

Pur nelle dimensioni ristrette del progetto pilota, una prima analisi delle necessità operative degli ispettori ha messo in mostra importanti punti di complessità:

  • Per eliminare la gestione cartacea delle modulistiche, che è costosa, lenta e con alti tassi d’errore, era necessario implementare una gestione informatica dei verbali d’ispezione, raccogliendo firme che avessero piena validità legale da parte di tutti gli attori coinvolti.
  • Realizzare un sistema che fosse in grado di gestire sin da subito oltre 200 controlli a campione annuali, e al quale fosse possibile demandare in seguito tutti i controlli regionali, più di 1000.
  • La possibilità di amministrare le ispezioni e di consultare i dati raccolti in maniera centralizzata da parte degli uffici di competenza, col fine di ridurre i tempi di coordinamento delle ispezioni.

Data la lentezza e l’onerosità dell’attuale gestione cartacea dei controlli, la Provincia di Brescia ha pertanto deciso di realizzare assieme a Next un progetto di automazione delle ispezioni eseguite all’esterno, al fine di ottimizzare i tempi di compilazione della complessa modulistica che è necessario produrre in diverse copie originali.

Dopo aver analizzato diversi sistemi di sviluppo, la scelta è ricaduta infine su Instant Developer, giudicato come il miglior IDE per rispondere alle complesse esigenze del progetto: un’architettura con una parte web, sviluppo di applicazioni mobile con funzionamento anche in modalità offline, tempi brevissimi per la consegna del progetto, ed una facile integrabilità con componenti esterni come la firma digitale. Avendo appurato che tutto ciò sarebbe stato possibile, Next ha cominciato subito a collaborare con il cliente per la realizzazione del progetto.

In pochi mesi Next ha sviluppato un sistema che risolve tutte le criticità del progetto. In particolare, la nuova soluzione prevede:

  • L’eliminazione totale di documentazione cartacea per le nuove ispezioni.
  • Un’applicazione web desktop, dedicata all’amministrazione del processo e alla consultazione dei dati raccolti.
  • Un’applicazione mobile per tablet Android, da utilizzarsi “sul campo” per la compilazione e la firma dei verbali di ispezione, con la possibilità di funzionamento dell’applicativo anche in assenza di connessione Internet.

Nonostante il progetto pilota non sia ancora utilizzato a pieno regime da tutti gli ispettori provinciali, l’obiettivo visibilmente a portata di mano vede un drastico miglioramento sul controllo e sulla visibilità sulle ispezioni eseguite. Inoltre il cliente si attende una riduzione entro l’anno del 50% dei tempi complessivi di lavorazione di ogni ispezione, ottimizzando, oltre ai tempi di intervista sul campo, anche i tempi di pianificazione e verbalizzazione delle ispezioni.

Instant Developer ci ha garantito la possibilità di realizzare una soluzione con una architettura complessa con tempi e costi ridotti, andando incontro alle aspettative e al budget del cliente, dimostrando la fattibilità con costi contenuti di una classe di progetti di forte interesse per la Provincia di Brescia e la Regione Lombardia.

Giuseppe Frangiamone
Project Manager, NEXT